×

Recent Posts

Commenti recenti

    FORGOT YOUR DETAILS?

    Reiki

    / / Reiki

    Reiki è una parola giapponese di due sillabe le quali svelano ed esprimono il significato dell’ “Energia Vitale Universale” nella fusione di due principi:

    rei2

    che possiamo definire come Energia Spirituale Universale e

    ki2

    che è un concetto fondamentale nella Medicina Tradizionale Cinese e possiamo tradurlo come «Forza Vitale».

    REI e KI danno luogo alla parola Reiki, Energia Vitale Universale, termine polivalente in grado di descrivere sia lDisciplina come la Pratica quanto l’Energia utilizzata.

    Attraverso la cerimonia dell’iniziazione al Reiki vengono aperti i canali energetici che permettono di entrare in contatto con il cuore dell’Energia Infinita che permea ogni luogo dell’Universo.

    Di questa forma di Energia si parla sin dagli albori dell’umanità.

    Già dal V° Millennio A.C., gli Indiani postularono che fondamento di ogni forma di vita era il prana o energia vitale.

    Nel 3000 A.C. i Cinesi teorizzano che la contrapposizione e l’equilibrio di yin e yang diano luogo al ch’i, energia che pervade tutta la materia. Il Taoismo, disciplina filosofica e medica di natura esoterica rappresenta il mezzo per controllare tale energia. Un’energia che, aggiungiamo noi, ha non poche affinitè con la Vril

    Il termine Vril deriva dal nome della razza di semidei (i Vril-ya) che vive all’interno delle viscere della Terra. Per parecchio tempo “Vril” venne associato all’elisir di lunga vita.
    Il libro
    [“Vril: The power of the Coming Race” di Edward Bulwer-Lytton] ebbe tale fortuna che nel 1886 una bibita, assimilata all’elisir, contenente estratti di carne bovina, venne denominata Bovril, da Bovine e Vril, ed ancora adesso viene prodotta dall’Unilever.

    L’Energia Vril deriva dal Sole Nero, Il Sole posto all’interno della Terra Cava, le cui radiazioni permetterebbero agli abitanti della Terra Cava, i Vril-Ya, di vivere per migliaia di anni, dotati di poteri divini. Vril è un diverso termine per definire la stessa energia: Reiki, Ch’i. Akasa, Pneuma, Etere e l’Energia Orgonica di Wilhelm Reich. 

    Gli antichi Egiziani attuavano per il Faraone pratiche di rigenerazione e riti esoterici al fine di richiamare sopra esso e sull’intero Egitto l’Energia Vitale Universale.

    Anche i Pitagorici parlavano dell’Energia Vitale dell’Individuo come di una forza luminosa in grado di curarlo.

    I Celti, “Il Popolo del Cielo” o “Popolo Segreto” dalle zone centrali dell’Asia, passando dal Medio Oriente e dal Caucaso, raggiunsero l’Europa a partire dal 3.500 a.C., recando con sè conoscenze sciamaniche ed esoteriche mutuate dall’Oriente.

    crocecelticaAnche se il Cristianesimo in Scozia ed Irlanda si appropriò del simbolo della Croce, in realtà la più antica rappresentazione della Croce Celtica denominata anche Sigillo dei Druidi, risale in Europa all’ IX millennio a.C. ed è stata trovata in una grotta dei Pirenei francesi.

    Considerato che i Celti raggiunsero l’Europa in tempi molto posteriori, è logico supporre che i Sacerdoti Celti, i Druidi (termine derivato etimologicamente dall’antico Dru-Wides, i Veggenti), abbiano fatto proprio questo simbolo pur non essendo, appunto, loro coevo.

    Rappresenta l’Albero della Vita, con i Quattro Elementi Primevi Aria-Acqua-Fuoco-Terra (i quattro bracci della Croce) uniti dal Quinto, il Cerchio, cioè il Cosmo o l’Anima o l’Energia Universale che avvolge la materia increata, informe e Nera e, penetrandola, le dà vita, apportando la Luce, il Bianco.

    Cesare definiva i Druidi con il termine di Gutuater (etimologicamente il Padre della Parola) da cui è derivato l’etimo Guaritore. Ciò a causa delle conoscenze sciamaniche e della capacità di richiamare l’Energia Guaritrice che i Druidi tramandavano solo oralmente agli allievi.

    Tra l’altro il culto druidico della Virgo Paritura, diffuso secoli prima della nascita del Cristo, ha molti punti in contatto con la figura della Vergine Cristiana Maria.

    Il termine Virgo deve, però, intendersi derivante dalla radice latina vir, forza, e quindi l’attributo che contraddistingue la Madre di Dio è Potente e non Casta, avendo la raffigurazione della Madre di Dio assorbito alcune qualità della Dea Cibele, la Potente, il cui rito si diffuse negli stessi anni del Cristianesimo.

    La castità come qualità primaria della Madre di Dio è, infatti, elemento estraneo al lavorio interpretativo dei primi Padri della Chiesa e deriva invece da un’elaborazione teologica e teosofica molto posteriore, la cui conclusione fu la proclamazione solenne del dogma dell’Immacolata Concezione nel 1854.

    Sembra che le conoscenze misteriosofiche recate dai Duidi abbiano avuto un influsso notevole sulla comunità degli Esseni. Tale comunità era un’associazione religiosa presente in vari luoghi della Palestina fin dal 2° sec. a. C. e scomparsa nel 1° secolo dopo Cristo. Le notizie frammentarie sugli Esseni ci pervengono da tarde fonti storiche (Plinio il Vecchio, Filone) fino al 1947, anno in cui vennero rinvenuti in 30 grotte a Qumran, vicino al Mar Morto, i famosi “Manoscritti del Mar Morto”, una biblioteca formata da 800 rotoli e migliaia di frammenti scritti in aramaico e paleoebraico, ritrovati all’interno di anfore.

    La filosofia e gli influssi degli Esseni si riscontrano nel Mazdeismo Zoroastriano, nel Bramanesimo, in Siddharta (il Buddha). La loro filosofia ha molti punti di contatto con i Culti Misterici Greci ed Egiziani. Erano guaritori e sciamani, come gli Egizi e praticavano la Profezia. Si definivano i poveri in spirito.

    Le guarigioni dei malati erano ottenute con l’imposizione delle mani, previo contatto con l’Energia Universale.

    Gesù Cristo era considerato dagli Esseni il più Grande dei Profeti. Sembra che sia stato da essi educato alla Misteriosofia e che sempre sia rimasto in contatto con la comunità Essena, come dimostrerebbe il fatto che l’Ultima Cena si sia svolta nel quartiere Esseno e che Giacomo il Giusto, fratello di Gesù, fosse il Maestro di Giustizia della comunità Essena, nominato successore da Gesù Cristo stesso nel corso dell’Ultima Cena.

    Delle conoscenze e della filosofia Essena nulla è rimasto nella Chiesa, a causa della persecuzione attuata ai loro danni da San Paolo di Tarso, di cui un episodio è stato il massacro degli Esseni nel tempio di Gerusalemme, perpetrato da Paolo e dai suoi seguaci.

    Siddharta Gautama, il Buddha è l’altra Grande Figura Spirituale dell’Antichità. Figlio del re dei Sakia, decise di seguire la via dell’ascesi e del brahmanismo. Facendo uso dello yoga e di meditazioni profonde, raggiunse l’Illuminazione. Le guarigioni ottenute dall’ Illuminato (Buddha) furono altrettanto numerose di quelle del Cristo.

    Nei tempi moderni, altri ricercatori, da Paracelso a Mesmer, si riferirono ad aspetti particolari di questa Energia nei loro studi, ma è merito di Mikao Usui la scoperta delle modalità di utilizzo del Reiki.

    elektra_udjat

    TOP